La Città dei Cittadini - Tivoli.
Cultura e Opinione Politica nel Web
Indietro
Home
Risultati dell'azione di governo.

31/10/2017 - L’Italia in declino irrefrenabile. Grazie governo, ci lasci solo macerie.
Cosa è diventata l’Italia? Come l’avete ridotta? Davvero volete ripresentarvi alle elezioni?
Il debito pubblico continua a crescere, la pressione fiscale è sempre pazzesca. Caste, privilegi, sprechi e parassitismo non sono stati eliminati. Non c’è una sola istituzione migliorata. Maleducazione, inciviltà e disprezzo in aumento ovunque. Immigrazione clandestina incontrollata e favorita. Rapine, scippi, stupri, atti di violenza e aggressioni in casa sono all’ordine del giorno. I valori fondamentali di una società civile come etica, dignità, stima di se stessi, decoro, onestà, educazione, tutti calpesti, rimossi e seppelliti. Corruzione e spreco del pubblico denaro dappertutto. Il voto di fiducia su tutte le nuove leggi. I condannati siedono in Parlamento e sono determinanti per la tenuta della maggioranza. La Giustizia sempre più ingiusta. L’economia è un disastro, il sistema pensionistico è prossimo al collasso, il territorio e l’ambiente abbandonati a se stessi e in disfacimento, disoccupazione e povertà dilaganti.
Di questi brillanti risultati i partiti al governo si vanteranno alle prossime elezioni?

Una infinità di poltrone politiche per non risolvere nulla.
A cosa servono ministri, sottosegretari, portaborse, consulenti, esperti vari, una mandria di persone inutili, che percepiscono fior di compensi, senza che si giunga a risolvere alcun problema alla radice? Clientelismo e parassitismo generalizzato in continuo incremento.

Governare non è un gioco e non è da tutti.
Andare a governare non è una grande opportunità, ma una immensa responsabilità, ne va della vita di tantissime persone. Non è un business o una speculazione di Borsa, ma è un impegno d’onore, un mettere in gioco la propria onorabilità. Occorre giudizio e senso del dovere, non le deleterie e malefiche pastette e intrighi di partito.

Indietro
Home